.
Annunci online

  Liberopensiero [ Il Blog di Davide Romano - in collaborazione con No-Way e altri - collaboratore del Circuito Radio Cristiane e de La Repubblica. ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


Ridere della politica
L'Islam coraggioso
MEMRI
La miglior pasticceria di NY
Camillo
Il Blog pro Usa
Israelomania
Il Blog degli amici/collaboratori del Foglio
Osservatorio Media Palestinesi
1972
Leibniz
Informazione Corretta
Amici di Israele
Sondaggi Mondiali
Sondaggi americani
OxBlog
RegimeChange
Iranian
Statistiche Internazionali
IranWatch
Iraq The Model
CeceniaSOS
Israele.net
Giudamaccablog
Benedetto Della Vedova
Iraq Index
Maariv
Arabi Per Israele
Il Chiosco euro-arabo
Daniel Pipes
Iraq: il bicchiere mezzo pieno
Le bugie dei politici USA al microscopio
Palestinesi su Arafat
LPBodyCount
Terrore prima dell'occupazione
Ebrei nel mondo
Pagine Di Difesa
Walking Class
No Way
Jimmomo
Islam italiano e Shoah
Il Sorvegliato Speciale
Servizi Italiani
Democracy in Iraq
Statistiche Aliyah
Pinocchio svizzero
Forze-Libanesi
Poganka
Steppenwolf
Birmania Libera
Un Iracheno Libero
Stefano Magni
Della Seta sull'antisemitismo di sinistra
Tocque-ville
Notizie Radicali
StrategyPage
Weekly Standard
Beppe Grillo
ArabiLiberali.it
Prigione Cubana
Nuovo Liberopensiero
CNRI
Davide Romano

cerca
letto 1571188 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


17 ottobre 2005

Non è tutto Weah quello che luccica...

MONROVIA - George Weah, ex centravanti del Milan, ha sfondato ancora una volta. Con il 30 per cento dei voti, ha vinto il primo turno delle elezioni presidenziali in Liberia. La sua rivale, con cui se la vedrà al ballottaggio a novembre (la data sarà decisa a giorni), l’economista Ellen Johnson-Sirleaf, ha preso il 19,6 per cento. Il vincitore è stato subito contattato da alcuni dei 20 candidati perdenti molti dei quali assai chiacchierati. Hanno offerto il loro appoggio al ballottaggio in cambio di una partecipazione al governo. La cosa ha provocato il disappunto tra chi crede che l’ex calciatore rifiuti alleanze compromettenti. «E’ la prova che la sua inesperienza può portarci al disastro - commenta Harvey Roger, giornalista della Radio Liberiana -. Una volta eletto rischia di essere un burattino manovrato da politici scaltri e corrotti». Alcuni sono già entrati nel suo entourage come Winston A. Tubman, nipote del presidente William Tubman che «regnò» dal 1944 al 1971.
Per aiutare Ellen Johnson-Sirleaf si sono mossi invece i leader dei partiti minori e ribelli, meno compromessi con i passati regimi. (...) Fonte: Corriere

Nulla contro Weah, per carità. Ma da tempo stiamo cercando di chiarire come non è detto che Weah sia il miglior candidato per la Liberia. La pensiamo diversamente, come abbiamo avuto modo di spiegare. E il testo di oggi del Corriere non fa che confermare i nostri timori al riguardo, nella speranza che Weah non accetti di imbarcare anche chi, la Liberia, ha contribuito a distruggerla. Se l'ex giocatore del Milan rifiutasse tali alleanze, avremmo qualche motivo in più di speranza per quel paese martoriato.




permalink | inviato da il 17/10/2005 alle 11:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre        novembre


Free web counters

Per contattare Davide Romano:ddavide@libero.it

since
12-10-2005
visits
849
online
1




Dice il Corano in 2ª 62: "Sì, i musulmani, gli ebrei, i Cristiani, i Sabei, chiunque ha creduto in Dio e nel Giorno ultimo e compiuto opera buona, per costoro la loro ricompensa presso il Signore. Su di essi nessun timore, e non verranno afflitti."       

 
 

 

 

 

 

 

Dice il Corano in 18°29: "La verità emana dal Signore. Creda chi vuole, non creda chi non vuole."















Il miglior sistema di assistenza sociale è un lavoro. (R. Reagan)

Diceva Marshall McLuan che l’indignazione è una tecnica per dare dignità a un idiota. E Valery diceva che l’indignazione permanente è segno sicuro di bassezza morale